6
La famiglia Percassi ha un'idea precisa: costruire una grande Atalanta per giugno. Migliorarla ancora se possibile, perché il progetto procede a gonfie vele da anni e l'Europa sarà ovviamente una variabile fondamentale per gli investimenti da fare nella Dea 2019/2020.

ALLENATORE - Sarà determinante la questione allenatore, perché il presidente non intende perdere Gian Piero Gasperini e lo ritiene cardine del programma nerazzurro. Ma le richieste non mancheranno: la Roma è tra i club che stanno pensando a lui ma non l'unico, ecco perché l'Atalanta insiste per iniziare a programmare gli acquisti e la stagione che verrà così da evitare qualsiasi pensiero d'addio, Gasperini aspetta e darà certezze solo ad Europa acquisita (o meno).

OBIETTIVI - L'idea rimane sempre di rinforzare la rosa con giovani italiani o intuizioni dall'estero. Roberto Inglese rientrerà con ogni probabilità al Napoli senza riscatto dal Parma, l'Atalanta lo segue da vicino e si è già mossa nel caso in cui dovessero arrivare offerte irrinunciabili per Duvan Zapata. Manuel Lazzari della Spal è un pallino di Gasperini come esterno destro ma ci sono tanti top club (Napoli su tutti) che vogliono prenotarlo, mentre in porta c'è l'intenzione di dare fiducia totale a Pierluigi Gollini. Arriverà un esterno alternativo al Papu Gomez, anche di livello alto se dovesse partire Ilicic: dopo la scommessa persa Emiliano Rigoni, si proverà a pescare dalla Serie A. 

POSSIBILI CESSIONI - Tra i giocatori più osservati c'è senza dubbio Zapata, in Premier League sono partiti i sondaggi per l'attaccante che verrà riscattato dall'Atalanta che lo aveva prelevato un anno fa dalla Sampdoria. Occhio a Gianluca Mancini: Percassi vorrebbe tenerlo per un altro anno ma prima l'Inter, poi la Roma hanno mosso i propri passi con l'entourage, sarà complicato blindarlo in caso di proposte indecenti. La permanenza del Papu Gomez dipenderà dall'Europa, Gosens piace al Milan ma senza sviluppi concreti fin qui mentre Josip Ilicic era un'idea serissima di Monchi per la sua Roma già da gennaio, rinviata a giugno. Ora che il dirigente spagnolo ha lasciato, possono aprirsi scenari diversi. Ma anche in questo caso l'Europa League sarà fondamentale per sperare di trattenerlo. José Palomino ha sfiorato il Boca Juniors in inverno, la pista sudamericana potrebbe riaprirsi a giugno.

CONTRATTI DELICATI - Massima priorità al rinnovo di Rafael Toloi che arriverà presto, i discorsi con gli agenti sono già avviati. Dovesse restare a Bergamo, anche Ilicic prolungherebbe il suo contratto in scadenza nel giugno 2020: pronto un ritocco importante per il suo ingaggio. Hateboer, Gosens e Castagne sono i prossimi sulla lista del direttore Sartori che provvederà ad avviare i dialoghi sul rinnovo per tutti gli esterni, in particolare Castagne che a gennaio ha detto no al Celtic.