193
Era metà marzo quando il Gremio, come anticipato da Calciomercato.com, usciva allo scoperto: il grande obiettivo era riportare a casa Douglas Costa. Una missione tutt'altro che semplice per due motivi: uno economico e uno legato al tempo. Quello economico è stato risolto una volta per tutte tra mercoledì e oggi. Prima col giocatore (leggi qui), che ha accettato di firmare un contratto da due anni e mezzo riducendosi e spalmando l'ingaggio che ancora lo legava alla Juve, con un accordo a crescere grazie a bonus speciali legati anche agli incassi di botteghino e merchandising. Ma era necessario che Douglas Costa potesse liberarsi dalla Juve a zero, perché il Gremio non avrebbe potuto versare niente al club bianconero.

AI DETTAGLI - Oggi l'entourage del giocatore brasiliano ha trovato l'intesa con la dirigenza juventina. Il tempo di definire le questioni burocratiche e sistemare gli ultimi dettagli riferiti a una buonuscita che comunque Douglas Costa potrà percepire ma sarà simbolica o quasi, poi la risoluzione del contratto sarà realtà. Nei tempi necessari per il Gremio, che entro il 23 maggio (giorno di chiusura del mercato brasiliano) potrà ingaggiare il giocatore che otterrà ovviamente anche l'interruzione del prestito dal Bayern Monaco: questioni solo tecniche che si conta di risolvere entro qualche giorno. La Juve registrerà una ricca minusvalenze, ma che andrà a pareggiare i conti con il risparmio sul costo dell'ingaggio che Douglas Costa non percepirà. E che la trattativa prosegua spedita lo conferma anche un piccolo dettaglio, come la foto pubblicata dal calciatore brasiliano sulla propria pagina Instagram - in una sezione riservata solo agli amici più stretti - con addosso la maglia del Gremio.


LA LISTA - Si allunga quindi la lista di giocatori importanti che lasciano la Juve risolvendo il contratto. In meno di due stagioni è arrivato l'accordo con Mario Mandzukic, Blaise Matuidi, Gonzalo Higuain, Sami Khedira e ora Douglas Costa. Prima ancora si possono ricordare i casi di Fernando Llorente e Claudio Marchisio.