Albert Ebossé Boojongo, attaccante camerunense del club algerino JS Kabylie, è morto a causa delle lesioni craniche riportate alla fine del match casalingo perso 2-1 contro l’USM Alger. Il calciatore è morto in seguito alle ferite riportate dopo essere stato colpito alla testa da un oggetto, probabilmente un sasso, scagliato in campo dalle tribune dello stadio di Tizi Ouzou, in Algeria. 

Ebossé Boojongo, 24enne capocannoniere del campionato con 17 reti, aveva segnato anche nel suo ultimo match su rigore, un gol che però non era bastato ad evitare il ko della sua squadra. Come si legge su Corriere.it, i tifosi di casa erano infuriati per la sconfitta della Js Kabylie. A fine gara, mentre i giocatori rientravano negli spogliatoi, Ebossé (foto Marca) è stato colpito alla testa da una pietra lanciata ed è caduto subito a terra. Inutili i soccorsi, Albert è deceduto sull’ambulanza che lo trasportava in ospedale. Le autorità hanno disposto immediatamente l’apertura di un’inchiesta. Secondo quanto si legge su Marca, quotidiano spagnolo, Ebossé era diventato padre poche ore prima di morire.