9
Non sono un grande fan del mercato di gennaio. Si chiama mercato di riparazione perché se in estate si sono fatte le cose giuste ci sono poche mosse da compiere, se non mandare dei giovani che hanno avuto poco spazio. Nel nostro caso il discorso è un po’ più ampio, perché adesso si gioca in 16 e i 5 cambi sono determinanti. L’obiettivo strategico che ci siamo prefissati con Sottil è quello di aggiungere 3-4 elementi per arrivare a 16 titolari effettivi. La proiezione del girone d’andata ci dice che siamo potenzialmente da 60 punti, essendo tra i 26 e i 29. Vogliamo fare in modo di centrare i playoff. Sono soddisfatto di aver preso Tsadjout dal Milan: non abbiamo cercato altri, era il nostro unico obiettivo. Lo seguo da qualche anno e a me è sempre piaciuto. C’era tantissima concorrenza, anche quella del Pisa. Noi siamo stati sempre fiduciosi e diretti, abbiamo fatto un pressing importante sull’entourage e sul Milan. Penso che allo stato attuale sia un diamante grezzo, è un calciatore moderno. Se vogliamo un paragone azzardato mi ricorda Lukaku: grande padronanza fisica, ancora non ottimale prolificità. Speriamo che con noi possa crescere e sbloccarsi anche da questo punto di vista e poi fare una carriera importante. A centrocampo siamo parecchi, Castorani partirà per fare esperienza. Non andremo però oltre le 4 operazioni di cui ho parlato all’inizio". Queste le parole di Marco Valentini, ds dell'Ascoli, a pianetaserieb.it.