69
"Ora sono felice alla Juventus, ma non so cosa accadrà". A raccontare passato, presente e futuro è Paulo Dybala, l'attaccante argentino ha concesso una lunga intervista a The Guardian nella quale ha analizzato l'ultima estate e il mancato addio ai bianconeri: "Sono stato vicino ad andarmene. Era nei pensieri del club, lo sapevo. Fino all'ultimo minuto, abbiamo aspettato".

FUTURO - "Ho ancora due anni di contratto. Non è poco, ma non è neanche tanto. Vedremo quali piani avrà la Juventus, se pensano che sia meglio che parta nel prossimo mercato o se vogliono che resti. È una decisione che deve prendere il club. È difficile saperlo perché le cose cambiano in un secondo".

SARRI - "Ma sono qui, in un club che mi ha trattato bene. Sono felice, a mio agio. L'arrivo di Sarri ha aiutato. Ha voluto che restassi, il che mi ha dato forza quando non sapevamo cosa sarebbe successo. Sapevo che poteva insegnarmi, tirare fuori il meglio da me".

MESSI E RONALDO - "Sono l'unico giocatore che condivide uno spogliatoio con entrambi e la gente vede solo la punta dell'iceberg, non il lavoro sottostante; non hanno vinto tutto ciò che hanno vinto perché sono stati fortunati. E sì, so che la gente deve chiedere ma devono sapere cosa sto per dire. Chi è meglio? Non posso rispondere".