116
Leader e capitano, senza certezze di restare. Edin Dzeko non ha mai nascosto il suo amore per la Roma, ha speso parole al miele per la nuova maglia e quando ha preso posizione, come nel post Siviglia, l'ha sempre fatto per difendere i colori giallorossi. Ci ha sempre messo la faccia, senza dimenticare la sua missione principale, quella di fare gol. Non si è smentito neanche in questa stagione, con 19 centri tra campionato e coppe, ai quali bisogna aggiungere 14 assist. A 34 anni è ancora una garanzia, eppure per la Roma non è incedibile. E' importante ma assolutamente sacrificabile, per una cifra vicina ai 15 milioni. I milioni che interessano al club giallorosso sono soprattutto quelli che andrebbe a risparmiare dallo stipendio del bosniaco, 7,5 milioni (più bonus) a stagione, che fino al 2022 vogliono dire circa 30 milioni di euro al lordo.

INTER E JUVE - Dzeko vorrebbe restare alla Roma e chiudere la carriera nella Capitale, ​dove sono nati i suoi figli Una e Dani e dove, tra qualche settimana, nascerà anche la terza figlia, ma non dipende solo da lui. Per questo si guarda intorno e studia tutte le opzioni, per non rimanere impreparato. Il suo nome piace molto all'Inter, che lo aveva già cercato l'anno scorso per volontà di Conte, e alla Juve, nonostante la carta d'identità reciti 1986 come anno di nascita.
EREDE - La Roma valuta un futuro senza Dzeko, non a caso sta già pensando al sostituto. Nella lista dei candidati va considerato il profilo di Arek Milik, in uscita dal Napoli e corteggiato anche dalla Juventus. Il suo cartellino è valutato 40 milioni di euro (trattabili), ma la Roma può giocarsi la carta Veretout, centrocampista francese classe 1993 molto gradito a Gattuso, che già lo voleva al Milan.