8
Stasera lo sfida, per iniziare col piede giusto il cammino in Champions League sperando di ripetere l'esaltante cavalcata della scorsa stagione, ma soltanto 9 mesi fa le strade di Edin Dzeko e del Real Madrida avrebbero potuto incrociarsi in maniera differente. Secondo quanto svela il quotidano spagnolo Marca, i blancos avevano valutato il centravanti bosniaco come possibile alternativa a Karim Benzema rispetto al più acerbo Borja Mayoral. Contatti sottotraccia con l'entourage del giocatore ci sono stati, ma poi non è scoccata la scintilla, perché Dzeko non era convinto di lasciare Roma per andare a fare la riserva e perché Florentino Perez, presidente del Real, non ha mostrato a sua volta la convinzione per chiudere l'operazione.

RITROVA COURTOIS - Un no al Real Madrid, come quello espresso nei confronti del Chelsea, che presto potrebbe portare a un "premio" per il bomber bosniaco, che sta discutendo in questi giorni la possibilità di spalmare su un'altra stagione, da giugno 2020 al 2021, il suo contratto da 4,5 milioni di euro a stagione. Ma le attenzioni di Dzeko sono tutte sulla partita di stasera, l'occasione migliore per sbloccarsi dopo 3 partite di astinenza da gol e per far decollare un'annata partita in sordina per la Roma. A far ben sperare c'è quel Courtois, dall'altra parte, "bucato" due volte in occasione dello spettacolare 3-3 col Chelsea di Conte, a Stamford Bridge, dell'ultima Champions League. Il Bernabeu aspetta Dzeko e lo teme, pensando per un istante che questa partita avrebbe potuto giocarla a maglie invertite.