Commenta per primo
Aurelio Andreazzoli, tecnico dell'Empoli, commenta a Sky Sport la sconfitta con il Milan: "Avevo un'opinione durante la gara ed ero molto soddisfatto. Cerco di essere il più oggettivo possibile. Ma mi ero dimenticato di alcune situazioni importanti, come quella della traversa di Bajrami. Fisicamente c'eravamo, avevamo bisogno di una spinta morale per crederci di più. I miei ragazzi sono stati bravi, ho detto loro che per me questa è una partita vinta: essere riusciti a condizionare il Milan non perdendo la nostra fisionomia credo sia un bel biglietto da visita. Non mi interessano tanto i punti questa sera, ma mi interessa la continuità di prestazione".

MILAN DA SCUDETTO? - "Credo che le quattro davanti se la giocheranno fino in fondo. Il Napoli stasera ha avuto difficoltà, l’Inter mi dà l'impressione di essere una squadra sicura. Dipenderà anche dagli scontri diretti".

I DUE ATTACCANTI - "È una soluzione. Pinamonti per caratteristiche è un punto di riferimento, vicino a lui hanno giocato anche due trequartisti o una seconda punta. Non abbiamo una formazione così decisa nei titolari come si intende di solito. Stasera ne abbiamo cambiati 4-5. Cerchiamo di dare a tutti la possibilità di partecipare, credo che sia il premio migliore per un gruppo di ragazzi che si danno tanto da fare. Chiunque mando dentro riesce a far quadrare i conti la squadra non perde la sua fisionomia ed è una bella soddisfazione per chi fa il mio mestiere".