26
Il presidente dell'Empoli, Fabrizio Corsi, ha concesso una lunga intervista di mercato a Radio Sportiva. 

ESONERO ANDREAZZOLI - "Siamo orientati sul futuro, è il momento di sbagliare il meno possibile. Al di là del senso di gratitudine che abbiamo nei suoi confronti e del lavoro svolto da Andreazzoli, abbiamo pensato che fosse la scelta migliore cambiare metodi di lavoro per evitare un senso di appagamento nella squadra. Non abbiamo scelto Zanetti così, giocandoci un jolly, ma attraverso una serie di valutazioni. L’anno prossimo sarà ancora più difficile, dovremo allestire una squadra all’altezza, oggi abbiamo il 60% di probabilità di retrocedere o per qualcuno siamo già in B, dovremo guadagnarci tutto con scelte azzeccate e lavoro dello staff".
ASLLANI ALL'INTER - "Pochi giorni fa ci siamo visti con il babbo di Kristjan. Traspariva la felicità, ma anche grande dispiacere nel lasciare la nostra realtà, dove è da quando ha otto anni. Ci siamo lasciati con emozione e commozione, ora farà un percorso per dimostrare di essere all’altezza dell’Inter. Sarà un’emozione vederlo giocare in Champions League. Il pensiero va a mio padre che prese Benito Lorenzi a Empoli e poi lo accompagnò all’Inter”.

VICARIO - "“Credo che Vicario sia avanti a tutti i portieri italiani, Donnarumma escluso. Insomma, è quello che ha effettuato più parate in Europa, un dato significativo. Se dovesse vestire una maglia più importante, si avvicinerebbe alla Nazionale, ma in cuor mio spero rimanga all’Empoli“.