Commenta per primo
«È stato un incontro quello con i dirigenti della Fiorentina positivo. Anzi, molto positivo. Abbiamo trovato – racconta il ds azzurro Marcello Carli al quotidiano Il Tirreno – grande cordialità e anche una preparazione davvero impressionante. Al di là di tutto, insomma, confrontarsi con persone così competenti di arricchisce comunque». Di cosa avete parlato, se può dircelo? «Di molte cose, praticamente di tutto. Loro ci hanno illustrato il mondo Fiorentina, noi abbiamo spiegato come funziona l’Empoli». E alla fine? «Alla fine abbiamo capito che può esserci una convergenza. La Fiorentina ha avuto il merito e l’abilità, nel corso degli anni, di acquistare giocatori giovani e forti. Poi la squadra, col lavoro di Montella, è cresciuta in anticipo rispetto ai tempi previsti e ora certi giocatori hanno bisogno di trovare un ambiente dove valorizzarsi. Ecco perchè parlando di convergenza. Loro hanno elementi che possono essersi utili, noi possiamo essere utili a loro per farli crescere». Quindi arriveranno Vecino e Wolski? «Potrebbero, come potrebbe non arrivare nessuno. Come quadro generale ci sono stati prospettati alcuni elementi che possono fare al caso nostro, poi dovremo capire anche altre cose. Come le condizioni economiche, le volontà dei giocatori, l’effettivo spazio che potrebbero avere da noi e i benefici di una stagione trascorsa con un ottimo allenatore come Sarri». Insomma non ci sono solo loro due... «Ci sono altri elementi che rientrano in un target congeniale all’Empoli. Come il centrocampista Bakic, il difensore Camporese. Lazzari? No, di lui non abbiamo parlato perché è un altro tipo di giocatore. La Fiorentina, ripeto, ha interesse a far crescere i suoi giovani». Ma, dica la verità, lei pensa che qualcosa alla fine si possa concretizzare? «Credo che ci siano le basi proprio per il clima riscontrato durante l’incontro e per questa convergenza d’interessi. Nello specifico delle cose, però, non siamo entrati». E quando lo farete? «I viola faranno il punto della situazione sui loro giocatori al rientro della squadra dal Sudamerica. Nel frattempo, noi, cercheremo di approfondire la conoscenza delle caratteristiche di quelli che consideriamo più interessanti».