Commenta per primo
Empoli-Vicenza 4-2

Vicario 6: non può nulla sul gol di Dalmonte, forse sorpreso sulla battuta di Lanzafame, dice a no Diaw nel momento di maggior sofferenza dei suoi

Stojanovic 6: scende sulla fascia con buona continuità, non sempre però è preciso al cross.

Ismajli 6: non ha particolari colpe sui gol subiti incassati, insuperabile nei contrasti aerei.

Romagnoli 6: per quaranta minuti abbondanti non ha grattacapi. La sveglia gliela dà Dalmonte, che lo salta secco e scaraventa in rete il gol del 2-1

(dal 1′ s.t. Luperto 5,5: si fa ammonire un po’ ingenuamente nell’azione che porta il Vicenza al 3-2. Non è ancora al top della condizione).
 
Marchizza 5,5: molto presente in fase di spinta ma come Stojanovic quasi mai preciso. Si fa sorprendere in occasione del contropiede che manda in rete Lanzafame.
 
Ricci 6: gioca una partita di sostanza e fa vedere buone cose, senza illuminare.

Stulac 6: nel primo tempo, con l’Empoli in pieno controllo, riesce a mettere la sua geometria nelle manovre offensive degli azzurri. Più in difficoltà nella ripresa.

(dal 17’ s.t. Zurkowski 6: sostanza e muscoli nel centrocampo azzurro apparso in difficoltà ad inizio ripresa).
Bandinelli 6,5: uno dei più continui, mette qualità (ottimo l’assist per il raddoppio di Haas) e quantità per tutta la gara.   

(dal 30’ s.t. Crociata 6,5: il suo ingresso consente all’Empoli di riprendere in mano il pallino del gioco. La punizione con cui chiude i conti sul definitivo 4-2 è un’autentica magia).
 
Haas 7: si conferma il jolly di centrocampo a cui neanche Andreazzoli può rinunciare. Inizia da trequartista, dove è decisivo in area avversaria con un gol e un assist, e finisce da regista quando esce Stulac. 

(dal 37’ s.t. Asllani sv).

Bajrami 6,5: primo tempo da protagonista, segna un gran gol e mette spesso in difficoltà la difesa ospite con i suoi strappi. Si vede pochissimo nella ripresa.

(dal 17’ s.t. Cutrone 6: gioca una mezz'ora scarsa ma mette in campo tutta la sua voglia di riscattare due anni difficili. Andrebbe pure in gol, ma l’arbitro giustamente annulla per fuorigioco). 

Mancuso 6,5: nuova stagione, solito Mancuso. Non è sempre al centro della manovra, ma ogni palla che tocca è giocata con intelligenza. Si fa trovare pronto sulla respinta di Pizzignacco trovando così il primo centro stagionale.

All. Andreazzoli 6: il suo Empoli è bello come quello che aveva lasciato tre stagioni fa e cinico come quello disegnato da Dionisi. C’è però da lavorare sulla fase difensiva, perchè quando la palla ce l’hanno gli altri la squadra sbanda.