Commenta per primo
È ufficialmente entrata nel vivo la nuova stagione dell’Empoli. Dopo una settimana piena di lavoro sul campo, la squadra ha svolto e superato brillantemente il primo test amichevole contro il Castelfiorentino, formazione che disputa il campionato di Eccellenza Toscana. È finita in goleada: un 12-0 che, proprio l’ampio divario di categoria tra le due formazioni, non può fornire indicazioni troppo attendibili, ma che è stato comunque apprezzato da mister Andreazzoli, che a fine gara si è detto soddisfatto di ciò che ha visto. Il risultato non conta e l’avversario non era all’altezza degli azzurri, ma, nonostante i pesanti carichi di lavoro e una rosa ancora piuttosto corta, la squadra ha dimostrato di avere sin da subito una discreta brillantezza offensiva. Tre i giocatori apparsi subito in buona condizione: Crociata, schierato sia come trequartista sia come mezzala, che ha realizzato tre gol e servito molti palloni invitanti ai compagni; Ricci, metronomo della squadra e autore di due gol; e Mancuso, in gol per tre volte, sempre pericoloso e presente in area avversaria. Lunedì gli azzurri hanno ripreso il lavoro di preparazione e sabato scenderanno nuovamente in campo per la seconda amichevole di preseason contro la Cuoiopelli, altra squadra che milita in Eccellenza.
Rispetto alla prima uscita, nella quale si era già visto all’opera Guglielmo Vicario (per modo di dire, visto che di fatto non ha toccato un pallone), nuovo portiere arrivato in prestito dal Cagliari, Andreazzoli potrà contare su due nuovi innesti: il centrocampista polacco Szymon Zurkowski e il difensore sloveno Petar Stojanovic. Il primo non è affatto un volto sconosciuto, visto che ha vestito d’azzurro nelle ultime due stagioni di Serie B. Arriva dalla Fiorentina ma stavolta in prestito con diritto di riscatto: dovrà rifarsi una stagione in cui, a causa dei numerosi problemi fisici (covid compreso) non ha potuto dare il contributo che è in grado di garantire. Centrocampista fisico, dotato di buona tecnica e una pregevole capacità di inserimento, ad oggi partirebbe tra i titolari, nella posizione di mezzala, nel centrocampo a tre disegnato da Andreazzoli. Ci sono meno certezze invece  su Petar Stojanovic, arrivato dalla Dinamo Zagabria in prestito con obbligo di riscatto al raggiungimento di determinate condizioni (ipotizziamo la salvezza). È un terzino destro classe 1995 con una buona esperienza internazionale (una quarantina di partite tra Champions ed Europa League): si giocherà il posto sulla fascia con Fiamozzi. La squadra ovviamente dev'essere ancora completata, ma le operazioni sono bloccate (una situazione di stallo che coinvolge tutte le società) e la sensazione è che per vedere i prossimi acquisti azzurri, tra occasioni e colpi last minute, ci sarà da attendere almeno la seconda metà di agosto.