45
Era un pallino di Luciano Spalletti, ma l’Inter non ha ancora abbandonato la pista Bergwijn. Il calciatore olandese, che tanto bene ha fatto in Eredivisie e in Europa, lascerà molto probabilmente il PSV, e proprio l’Italia è tra le mete più ambite. Per fare chiarezza circa il futuro della punta classe ’97, abbiamo sentito il suo procuratore,  Fulco Van Kooperen, che ai microfoni di Calciomercato.com ha dichiarato: “Bergwijn all’Inter o in Italia? È quello che spero. Il mercato è appena iniziato, il suo arrivo in Italia potrebbe verificarsi ma al momento non c’è ancora niente di concreto. Con Ausilio e Marotta al momento non sono in programma nuovi contatti, ma c’è tempo per parlarne. Antonio Conte? Non penso che con il nuovo allenatore possa cambiare qualcosa ai fini del suo eventuale arrivo a Milano”.

L'INCONTRO DI GENOVA - Così l’agente del calciatore, che quindi non smentisce contatti passati col club nerazzurro. Ausilio si era portato avanti qualche settimana fa, quando a Genova, prima della sfida vinta 4-0 contro gli uomini di Prandelli aveva voluto incontrare l’entourage del ragazzo. Da allora non ci sono stati altri incontri, anche perché l’Inter ha ritenuto prioritario raggiungere la Champions e siglare l’accordo con Antonio Conte, che insieme a Marotta e Ausilio stilerà i piani futuri del club. Ma se l’Inter vorrà davvero Bergwijn, dovrà fare in fretta.

PETRACHI IN AGGUATO  - Sul talento olandese, infatti, potrebbe fiondarsi la Roma del nuovo ds Petrachi, che già da dirigente del Torino aveva fatto pervenire un’offerta al PSV, ritenuta troppo bassa dagli olandesi e quindi rifiutata. Petrachi potrebbe quindi riprovarci da giallorosso, ma comunque l’Italia non è l’unica pista aperta per Bergwijn, seguito anche in Premier e Bundesliga