2
Samuel Eto’o e Jose Mourinho. Una relazione ultradecennale, che ha visto i due ritrovarsi oggi, 9 ​anni dopo la conquista della Champions e del Triplete con l’Inter: "​Ricordo che ai tempi delle sfide tra Barcellona e Chelsea noi non giocavamo contro la squadra inglese, ma contro Mourinho. Poterlo battere ci dava una motivazione in più. Poi una volta, eravamo nel tunnel del Camp Nou, mi si avvicina e mi dice: “Un giorno giocherai con me”, e così è stato. Ho avuto il piacere e la fortuna di essere allenato da lui all’Inter, dove ha creato una famiglia. Siamo ancora uniti, nel gruppo di Whatsapp, ai compleanni, per gli auguri. Non è sempre così. Ricordo che quando con l’Inter andammo a Stamford Bridge, dove lui era stato tanti anni, ci disse: “Dovete vincere per voi, ma soprattutto per me”. Segnai io (anche se mezzo gol è di Sneijder…) e quando rientrammo nello spogliatoio ci dicemmo: “Non ci ferma più nessuno. E così è stato. E il merito è del fatto che questo signore qui (Mou, ndr) aveva creato una famiglia. Sono stufo, stufo, di dover andare in giro per il mondo a difendere Jose e a dire a tutti che è una persona magnifica, una delle migliori nel mondo del calcio. La vita non è corretta e nel calcio è lo stesso: a volte chi merita rispetto non lo ottiene. Jose è uno di questi: tutti i giocatori che ha avuto hanno lottato per lui e per lui erano disposti a morire”.

Sempre Eto'o, alla BBC, raccontò che “durante una partita tra Chelsea e Barcellona ci dicemmo veramente di tutto. Poi ci siamo pentiti entrambi. Però mi piace perché dice le cose in faccia, da uomo a uomo”. E poi nel 2014, quando si ritrovarono al Chelsea, Mou lasciò intendere che Eto’o poteva essere più vecchio di ciò che dice il suo passaporto. Samu dopo un gol festeggiò imitando un vecchietto e poi sbottò: “Non è che perché un burattino mi tratta da vecchio gli si debba credere”. Un rapporto di amore e odio quello tra l'ex centravanti nerazzurro e lo Special One...