Commenta per primo

Paulo Roberto Falcao non è più l'allenatore dell'Internacional di Porto Alegre. È stato infatti esonerato a causa dei cattivi risultati della squadra "gaucha", reduce da tre sconfitte consecutive in campionato (l'ultima per 3-0 contro il San Paolo). Così, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa brasiliana Estado, il presidente dell'Inter Giovanni Luigi ha preso la decisione di cacciare l'ex idolo della tifoseria biancorossa e di quella romanista. Perde il proprio incarico anche il vicepresidente dell'Inter, Roberto Siegmann.

Al posto di Falcao la squadra è stata affidata ad interim alla coppia formata da Osmar Loss ed Andrè Doring.

Falcao era arrivato sulla panchina dell'Internacional nell'aprile scorso, al posto di Celso Roth, al quale dirigenti e tifosi non avevano mai perdonato la sconfitta nel dicembre scorso contro i congolesi del Mazembe, nel Mondiale per club. L'idolo "colorado", che tornava a fare l'allenatore dopo una quindicina d'anni passati a fare il commentatore televisivo, aveva vinto il campionato gaucho a spese del Gremio dell'altro ex romanista Renato Portaluppi (a sua volta cacciato un paio di settimane fa, ed ora già sistematosi all'Atletico Paranaense), poi però la sua Inter era stata eliminata negli ottavi di finale della Coppa Libertadores, ad opera del Penarol.

Nel campionato nazionale, il "Brasilerao", attualmente ha 15 punti ottenuti in 11 partite. In tutto Falcao è stato l'allenatore dell'Internacional per sole 19 partite, con un saldo di appena il 40,3%, frutto di 6 vittorie, 5 pareggi ed 8 sconfitte in totale. Ora non si sa se il "Divino" continuerà a fare l'allenatore, o tornerà ad altre occupazioni.