Commenta per primo
Il quotidiano Il Mattino ha intervistato l'ex difensore del Napoli Federico Fernandez, ora allo Swansea. 'Nella mia testa avevo già in mente la Premier League, poi è arrivata questa possibilità interessante per il club azzurro e per me, e abbiamo trovato un accordo con la massima serenità - ha dichiarato l'argentino -. Mi trovavo molto bene a Napoli, ma la Premier attrae: posso dire già adesso che è un campionato fantastico. La maturazione che ho avuto con Benitez mi ha permesso di arrivare a giocare in Inghilterra, qui c'è un calcio diverso rispetto alla Serie A: si gioca senza tatticismi e anche una piccola squadra può pensare di andare a giocare in casa del Manchester United e segnare, sono decisamente un passo avanti. Mazzarri? Il primo anno in Italia non è mai facile: giocai poco ma feci l'esperienza della Champions League, poi chiesi io di andare al Getafe per avere continuità e rimanere nel giro della Nazionale. L'eliminazione contro l'Athletic Bilbao? I miei ex compagni sapevano che le due gare sarebbero state difficili ma non si aspettavano questo risultato, sono cose nel calcio possono succedere ma adesso i tifosi devono rimanere vicini alla squadra. Questo è il secondo anno di Benitez e il suo lavoro non può non dare frutti, servirà un po' di fortuna ma l'organico è forte e credo che il Napoli possa vincere anche più della coppa Italia... Ho apprezzato molto Rafa, mi ha mandato un bel messaggio quando sono arrivato allo Swansea, lo ringrazio perché mi ha dato modo di crescere. Napoli è una città meravigliosa che ti permette di provare straordinarie emozioni calcistiche, sono stati tre anni indimenticabili, con la sua gente e la sua passione quella città può esaltare una squadra. Koulibaly? Ha tanta qualità, bisogna dargli tempo di crescere ed abituarsi al calcio italiano'.