157
Marco Giampolo è già a Milano, si è accorciato le ferie, è rientrato il prima possibile dalle vacanze per provare a trovare l'intesa per poter diventare il nuovo allenatore del Milan. Non sarà semplice perché ancora alcuni tasselli dovranno essere sistemati al posto giusto e l'arrivo nel capoluogo lombardo del presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero servirà anche e soprattutto per questo. 

COLLOQUIO IN PROGRAMMA - Secondo quanto appreso da Calciomercato.com entro domani sera Giampaolo e Ferrero avranno un colloquio chiarificatore. Potrebbe essere telefonico o dal vivo, nel quartier generale milanese della Sampdoria, ma si discuterà a lungo perché ancora non c'è accordo fra le parti sulle modalità con cui terminare il rapporto lavorativo.

LA SAMP CHIEDE UN'INDENNIZZO - Il presidente Ferrero ha infatti fatto sapere a Giampaolo che non lo libererà a costo zero. Il patron della Sampdoria vuole un indennizzo economico da parte del Milan per rescindere il contratto in scadenza 30 giugno 2020 e il colloquio servirà proprio a cercare di limare la richiesta dato che il club rossonero, al momento, non ha intenzione di accontentarla.

IL CONTRATTO  - Come vi abbiamo anticipato (LEGGI QUI), Giampaolo ha già trovato l'accordo con il Milan. Se sarà liberato dalla Samp per lui c'è pronto un contratto biennal con opzione per una terza annata con i rossoneri che verseranno di stipendio circa 2 milioni netti a stagione, praticamente il doppio di quanto percepito finora.

I SOSTITUTI - Che la trattativa possa andare a buon fine è invece testimoniato dal fatto che anche in casa Sampdoria hanno già iniziato a guardare al futuro. Ferrero ha di fatto già bloccato Stefano Pioli, ma prima di chiudere sta cercando di sondare il terreno per Eusebio Di Franceso. È lui, infatti, il preferito per il dopo Giampaolo che, già nelle prossime ore, potrebbe diventare ufficialmente il nuovo allenatore del Milan.