Commenta per primo
C’è stato un grande dispiegamento di forze all’esterno dello stadio di Kiev ieri sera per organizzazione il servizio di sicurezza intorno alla sfida di andata di Europa League fra la Dinamo e la Fiorentina: è stato impiegato l’esercito e la polizia a piedi e a cavallo. In città la situazione è stata tranquilla anche se nelle ultime 24 ore sono state uccise tre persone in tre agguati diversi: Oles Buzina, protagonista di talk show televisivi, e schierato su posizioni apertamente filo russe, Sergej Sukhobok, titolare di un sito internet e di un piccolo giornale che contrasta la politica del governo e Oleg Kalashnikov, ex deputato del Partito filorusso delle Regioni. Tre oppositori del governo ucraino di Petro Poroshenko, 
La presenza delle forze dell’ordine non ha impedito però l’aggressione a un tifoso viola, Fabrizio Pugi, che stava salendo le scale del principale stadio ucraino con una sciarpa e una bandiera della Fiorentina per raggiungere la tribuna centrale. In tre lo hanno assalito e gli hanno portato via la bandiera nonostante a pochi metri di distanza ci fossero gli steward.