40
Potrebbe essere la più classica delle storie a lieto fine. Una storia di riscatto e di amore sbocciato a prima vista quello tra Dalbert Henrique e la Fiorentina. Arrivato a Firenze con l'etichetta di flop cucita addosso, il brasiliano era in cerca di un riscatto prima di tutto personale: in due anni di Inter sotto la guida di Spalletti non è mai riuscito a convincere né a trovare spazio e Antonio Conte si trovò a riconfermare le impressioni del suo predecessore. La soluzione "di convenienza" si raggiunse con la Fiorentina: fuori Dalbert e dentro Cristiano Biraghi

TITOLARE CON MONTELLA - Oggi però sembra essere avvenuta la trasformazione tanto auspicata dai tifosi Viola: Dalbert è diventato un semi-intoccabile di Vincenzo Montella. Fino ad oggi ha giocato 11 partite in serie A con la maglia gigliata per un totale di 926 minuti accumulati (più di quelli totalizzati nell'arco dell'intero campionato scorso con Spalletti). 
Il terzino brasiliano sta bene, è in forma e anche il suo procuratore, ​Emerson Figueiredo, lo conferma: "Non mi stupiscono per niente le sue prestazioni: il fatto che sia diventato un titolare tra gli 11 di Montella è un premio al duro lavoro che ha svolto in questi anni" ha detto l'agente ai microfoni de La Nazione. "​Dalbert sta andando molto bene, si è adattato fin da subito al nuovo club e alla città: mi ha rivelato che è pazzo di Firenze. Alla Fiorentina ha la totale fiducia dell’allenatore e di tutti i dirigenti"

ALL'INTER POCO SPAZIO - Una fiducia che era ormai venuta meno in neroazzurro come ricorda sempre ​Figueiredo: "All'Inter non ha mai avuto la possibilità di esprimersi con la continuità di cui gode ora. Ma adesso sta ripagando tutti". 
Per quanto riguarda il tema futuro l'agente del terzino classe '93 si dice tranquillo: "​Sono in costante contatto con la dirigenza Viola su questo argomento: ciò che più importa ora è che lui prosegua il fantastico campionato di cui finora è stato protagonista".