Commenta per primo
Carmine Lo Faso, padre e agente di Simone, giocatore della Fiorentina che ieri ha esordito in maglia viola contro il Benevento, ha rilasciato un’intervista a ViolaNews.com: “Un giudizio sull’esordio di mio figlio? Siamo felici che è arrivato questo momento, è la dimostrazione che Simone ha sempre lavorato bene, non c’è mai stato un giorno che non abbia lavorato seriamente anche se in passato qualcuno lo aveva messo in dubbio, ma questo è il passato. Simone sta dando segni di maturità come ragazzo e giocatore e siamo felici che sia arrivato questo bel giorno. Per quanto riguarda la prestazione, ha fatto un buon esordio, siamo tutti contenti, la famiglia e l’entourage, siamo sicuri che ci saranno tante occasioni per festeggiare ancora. Avrete modo di conoscerlo. Quello non è il massimo che sa fare, ma va bene anche così per oggi, certo che col gol sarebbe stato un esordio col botto. Che tipo di giocatore è Simone? Per quello che lo conosco sul fronte dopo il centrocampo, se libero di svariare, tocca anche cento palloni a partita, non si nasconde, cerca i compagni, ma può giocare anche sull’esterno, questo lo deve valutare il mister. Nel Palermo giocava più da trequartista libero di giocare dove meglio credeva, ma a Firenze avrete modo di conoscerlo, comunque il mister è molto preparato e sa dove Simone può dare di più. Importante è farsi trovare sempre pronto. Che cosa mi aspetto adesso? Queste valutazioni spettano al mister, io non ci penso proprio, sono fiducioso che Simone metterà sempre in difficoltà il mister nelle sue valutazioni. Mi ha sorpreso la clausola di riscatto a 2,7 milioni di euro? A questo proposito non saprei di preciso, è un discorso che riguarda le società”.