Commenta per primo
Cristiano Biraghi, terzino della Fiorentina tornato dopo il prestito all'Inter, ha parlato al Corriere dello Sport:

INTER - "Ci aspetta una sfida complicata. Avremo di fronte un avversario molto solido che sta proseguendo un percorso di crescita importante, con un grande allenatore. Sono completi in ogni reparto e si conoscono praticamente a memoria. Sono pronto a dare il massimo per la maglia viola, mi piacerebbe segnare, ma contro l’Inter non esulterei".

IACHINI - "Anche se i loro princìpi di gioco sono diversi, credo che Iachini per certi versi sia molto simile a Conte. E’ un lavoratore infaticabile, cura ogni dettaglio delle due fasi di gioco, difensiva e offensiva, e noi calciatori sappiamo sempre cosa fare, in ogni momento della gara".

RIBERY - "Un fenomeno. Con i suoi comportamenti è un esempio, sia fuori che dentro al campo. Sa sempre dove farsi trovare e come cercare il compagno, trovando sistematicamente la soluzione per mettere in difficoltà l’avversario. Inevitabilmente, facilita il compito a tutti noi".
CHIESA - "Federico è un calciatore forte e rappresenta anche il futuro dell’Italia. La passata stagione non abbiamo giocato insieme, ma l’ho comunque visto in Nazionale. Ha forza, tecnica e velocità e sabato scorso, contro il Torino, lo ha dimostrato una volta di più".

AMRABAT - "A Verona ha fatto vedere cose importanti. In allenamento, qui con noi, sta confermando di essere abile nelle due fasi. Ha fisicità e visione di gioco. Potrà essere uno dei nostri punti forza".

NUOVI ARRIVI - "Conosco benissimo Borja, so quanto può dare al gruppo e, soprattutto, quanto tiene a questa maglia: sarà una risorsa preziosissima. Jack si è calato subito nella realtà di Firenze, ha peculiarità che ci torneranno utili. Entrambi portano allo spogliatoio una dose importante di esperienza e questo particolare, in una squadra giovane come la nostra, potrà aiutare tutti".

FUTURO VIOLA - "Mi piacerebbe molto. Sono molto legato a Firenze e alla Fiorentina. La città è meravigliosa, i tifosi sono straordinari e c’è tutto per fare bene".