Commenta per primo

Il gol di Michele Camporese a Palermo ha portato alla ribalta, dopo tanti anni, un prodotto del settore giovanile della Fiorentina ad alti livelli per rendimento e crescita. 'E' una sorpresa, perché sta bruciando le tappe, ma ci andrei piano nel chiamarlo fenomeno - ha detto, ospite di Radio Toscana, il procuratore del 18enne pisano Davide Lippi -. E' un ragazzo giovane, che ha qualità tecniche ma anche morali. Ci vuole calma e pazienza con lui, perché pur conoscendolo vorrei lasciarlo tranquillo, senza parlarne in maniera esagerata. Si sta facendo largo in Nazionale Under 21 e alla Fiorentina, grazie ai compagni, ma è giusto che tenga i piedi per terra. Do merito a Pantaleo Corvino, che due-tre anni fa mi disse che Camporese sarebbe diventato titolare nella Fiorentina. Ritrovo in lui la testa e la mentalità che ha Giorgio Chiellini'.

'Il mercato di gennaio è stato vitale, e questo è un segnale confortante, perché significa che il calcio italiano, pur con parametri più bassi rispetto al passato, sta rialzando la testa - ha aggiunto Davide Lippi -. Blasi? E' stato molto vicino alla Lazio. La Fiorentina non è mai stata super-concreta, e alla fine il ragazzo è rimasto a Napoli, per la sua gioia ma per il mio dispiacere, perché è stato fino ad oggi poco utilizzato. Avrebbe bisogno di giocare di più, e di avere fiducia. Non so se è un segnale per il futuro, ma non ha ancora venduto la sua casa a Firenze'.