Commenta per primo
A margine della presentazione della collaborazione con il FC Ascona per rispettivi i settori giovanili, il presidente della Fiorentina Mario Cognigni ha parlato anche del prossimo match contro il Verona. 'Sarà una sfida bellissima, soprattutto grazie al gioco espresso dalle due squadre - le sue parole riportate dal sito ufficiale del club viola -. Sarà una gara aperta ad ogni risultato, sotto il segno del fair-play, vista l'amicizia che unisce le due tifoserie. Fra l'altro incontreremo anche Toni e Romulo; il brasiliano sta completando la sua maturazione in una squadra dove è riuscito finalmente a dimostrare tutto il suo valore. Toni ha sempre dimostrato di essere un professionista serio e un trascinatore, a Verona c'è stata l'ennesima riprova del suo valore come finalizzatore: speriamo che domenica si dimentichi come si segna... Borja Valero? Mi pare che il ragazzo abbia già espresso le sue intenzioni per il futuro. Sarà un pilastro della Fiorentina per ancora molti anni. Cuadrado? Quando lo abbiamo rilevato arrivava da una stagione al Lecce, squadra che era retrocessa. È stato inserito in un organico importante, con giocatori del calibro di Borja Valero, Gonzalo Rodriguez, Aquilani, Pizarro e da quest'anno anche Mario Gomez e Rossi. Il tutto sotto la guida di un tecnico giovane e preparato come Montella. Nella crescita di Cuadrado, insomma, grande merito va anche alla Fiorentina. Nel nostro organico ci sono tante potenzialità inespresse che grazie alla bravura di Montella riusciranno a dimostrare le loro qualità nelle prossime stagioni; ci sono anche giocatori che hanno trovato poco spazio e Firenze come Alonso e Vecino che stanno dimostrando il loro valore in realtà complicate, soprattutto Alonso che sta giocando benissimo in un campionato difficile come quello inglese. Non solo, abbiamo giovani come Bernardeschi, che hanno avuto importanti riconoscimenti anche dal ct azzurro Cesare Prandelli'.