Commenta per primo
Bernardo Corradi pare aver concluso la sua avventura all'Udinese ma, intervenendo ai microfoni di Radio Toscana, oltre che giudicare la stagione della Fiorentina, prova ad analizzare alcune mosse di mercato della società gigliata: 'L'assenza di Mutu ha condizionato la stagione viola, ma comunque la rosa in quel ruolo aveva alternative - ha esordito l'ex attaccante della Reggina -. Soprattutto ha pesato l'ingiustizia della Champions League e la poca abitudine a giocare sia sul fronte europeo che su quello italiano'. 'Asamoah è uno dei giocatori più interessanti dell'Udinese, giovane, forte, con grande capacità di crescita. L'unico problema è che la società friulana è una bottega cara e secondo me è più facile prendere Pepe, a meno che quest'ultimo non faccia un gran Mondiale, che porterebbe ad alzare il prezzo. Felipe ha faticato a Firenze per i sei mesi di inattività dell'Udinese, ed è entrato alla Fiorentina subito in squadra, dove ha subito la pressione della prima esperienza fuori Udine e i risultati negativi della squadra. Secondo me sul valore aggiunto che può dare Felipe non ci sono dubbi. Io vice Gila? Due anni fa ci fu la possibilità perché ero svincolato, ma Corvino si oppose e non credo che abbia cambiato idea. Il d.s. viola è uno dei manager sportivi più bravi, quindi viva Corvino, non discuto le sue scelte'.