21
La Fiorentina sta pensando a come costruire una squadra capace di insidiare le zone alte della classifica, e con un attento lavoro, ha messo sotto esame tutti i componenti della rosa, per capire da quali giocatori ripartire. Pur tenendo conto di alcune cessioni che verranno fatte per fare cassa, e altre per sfoltire un parco giocatori decisamente troppo ampio, ci sono alcune questioni complicate, che richiederanno più di una riflessione. Il reparto che sicuramente richiederà la maggiore attenzione è l’attacco, che in questo momento è già molto ricco, e dove probabilmente la Fiorentina deciderà di fare un investimento importante.

CUTRONE- Il grande dubbio della società viola è la scelta della punta da affiancare al bomber che arriverà dal mercato estivo, visto che Kouamè sembra sicuro del suo posto da titolare, con un ballottaggio ridotto a due, Vlahovic e Cutrone. I due hanno avuto un rendimento opposto, con il serbo che aveva incantato tutti nel girone d’andata e non si è mai praticamente visto nel post lockdown, mentre Cutrone è stato decisamente protagonista della volata finale. L’attaccante ex Milan e Wolves ha ancora un anno di prestito, con l’obbligo di riscatto fissato per la prossima stagione a 18 milioni. La cifra non è bassa, ma dimostra anche il valore del giocatore classe ’97, che anche in questa stagione si è rivelato una risorsa preziosissima
FUTURO- Cutrone, che ha lavorato duramente per guadagnarsi una maglia da titolare, ha dalla sua il forte apprezzamento sia di Commisso che di Beppe Iachini, con il primo che l’ha fortemente voluto lo scorso gennaio, e il tecnico che ha creato un legame speciale con l’attaccante. In questo momento sembra lui l’indiziato a rimanere in maglia viola, forse non come titolare, ma come prezioso asso nella manica da sfoderare nei momenti di difficoltà, mentre il giovane Vlahovic potrebbe andare a farsi le ossa in una squadra che può garantirgli la titolarità. Ci sono comunque molte squadre che monitorano la situazione Cutrone, e che non aspettano altro che cogliere la palla al balzo e strapparlo ai viola, Genoa su tutte.