56
Un anno e poco più sottotono: il bilancio italiano di Lucas Paquetà è sin qui decisamente deludente. Il brasiliano, in questa stagione, ha perso certezze e il posto da titolare, venendo spesso relegato in panchina da Giampaolo prima e da Pioli poi. Le difficoltà nel trovare una precisa collocazione tattica e il malessere dopo Milan-Udinese hanno contribuito ad etichettare, fin qui, la stagione come 'fallimentare'. 

IDEA SCAMBIO - In attesa di capire cosa ne sarà del futuro della stagione, il Milan ragiona sugli scenari di mercato. Tra questi vi è proprio Paquetà, considerato tutt'altro che incedibile dalla proprietà. Elliott chiede almeno 30 milioni di euro: una cifra inferiore rispetto ai 40 chiesti a gennaio, quando il PSG, nella persona di Leonardo, aveva deciso di non spingersi a tanto per l'acquisto dell'ex Flamengo. Eppure il brasiliano piace molto al ds dei parigini, lo stesso che nel gennaio 2019 lo portò a Milano. In estate, complice il lungo stop del calcio mondiale e la conseguente crisi economica, il mercato potrebbe virare su scambi. Ecco perché, secondo quanto riporta Tuttosport, il Milan pensa all'inserimento di Leandro Paredes nella trattativa. L'argentino piaceva ai tempi dello Zenit, è stato seguito nei mesi scorsi dalla Juve e può lasciare Parigi: solo otto, infatti, le presenze dal 1' nelle 27 partite stagionali di Ligue 1.
L'ALTERNATIVA - Attenzione, infine, anche all'ipotesi Fiorentina: la Viola del presidente Commisso punta in alto. Dopo una prima estate di 'ambientamento', dove sono arrivati comunque i colpi Pulgar, Dragowski, Caceres, Dalbert e Ribery, il patron italo-americano è pronto a fare le cose in grande. A gennaio, infatti, si è già assicurato Duncan, Kouamé, Cutrone, Igor e Amrabat in vista di giugno. Servirà però il grande colpo, e l'idea Paquetà resta vivissima.