229

Il posticipo della 22a giornata di Serie A è stato a senso unico. La partita - se c’è stata - l’ha dominata in lungo e in largo la Fiorentina, affossando il Genoa con un netto 6-0. L’esonero di Sheva non ha dato la scossa sperata alla squadra gialloblù, in panchina c’era Konko ma le cose non sono cambiate di tanto rispetto alle ultime partite.

L’ERRORE - Anzi, dopo appena 10’ Dusan Vlahovic era già sul dischetto del rigore per un fallo di Hefti su Saponara. ‘Gol’ avranno pensato tutti. E l’avrà pensato anche lui, quando Sirigu si è tuffato sulla sua sinistra e lo scavetto di Dusan stava entrando in porta; ma il portiere fa in tempo a rialzarsi e blocca il pallone tra le braccia. Figuraccia per Vlahovic. Calma, ci sarà tempo per riprendersi.

GOLEADA - Intanto però la gara la sblocca Odriozola col suo primo gol italiano al 15’, poi Bonaventura e Biraghi chiudono la partita già nel primo tempo: 3-0. Konko prova a fare qualche cambio ma il dominio viola continua: ed eccolo il gol di Vlahovic, poco dopo il ritorno in campo dagli spogliatoio. Sono 20 stagionali, numeri pazzeschi e un futuro tutto da scrivere. Ma mica finisce qui, perché il 4-0 non basta alla Fiorentina e prima del fischio finale arrivano anche le reti di Biraghi (un’altra, doppietta) e Torreira. Il Genoa? Non pervenuto.