Commenta per primo
Sono rimasto molto male per come è finita sulla panchina viola l’avventura di Vincenzo Montella. Al di là delle divisioni e delle diverse prospettive per la riqualificazione della rosa, penso ci fossero i presupposti per ripartire insieme o quantomeno per finire meglio un rapporto che magari poteva anche essere logoro, ma si poggiava su buone basi”. Così la storica bandiera gigliato Giancarlo Antognoni ospite sulle tribune di Piazza Santa Croce dove si è tenuta nelleultime ore una partita di Calcio storico fiorentino che ha visto in campo molte vecchie glorie dello sport più antico a Firenze. “Sono dispiaciuto per Montella perché al netto delle assenze che ha avuto, pesanti soprattutto per l’attacco, ha raggiunto comunque traguardi con la Fiorentina di tutto rispetto – ha aggiunto il Capitano, come viene soprannominato Antognoni, a cui tanti calcianti hanno reso omaggio prima e durante la sfida disputatasi sul terreno sabbioso di S.Croce – Mi aspettavo anche maggior celerità nella scelta del sostituto anche perché dopo un’annata tanto importante, non c’era tempo da perdere. A fronte del fallimento di tante big del nostro calcio, i gigliati hanno disputato eccellenti partite e raggiungere per tre anni di fila il quarto posto lo ritengo un buonissimo obiettivo. Salah? Ritengo che la sua permanenza deve essere fondamentale visto i tanti punti interrogativi che ci sono per il resto del parco attaccanti gigliato”.