Commenta per primo

Hanno scosso Firenze e soprattutto i tifosi viola le dichiarazioni rilasciate ieri da Alberto Gilardino, in occasione del lancio del suo sito internet. 'Ha ancora due anni di contratto, e se fossi stato in lui non avrei parlato di prolungamento - ha dichiarato l'ex attaccante gigliato Francesco Graziani, ospite negli studi di Lady Radio -. Fossi stato in Gilardino avrei espresso il desiderio di una Fiorentina maggiormente competitiva per la prossima stagione, che fosse costruita meglio e più ambiziosa di quella dell'anno scorso, ma senza entrare nel merito di rinnovi. Dopo Natale, ad inizio della prossima primavera, avrei fatto certi tipi di discorsi, perché parlare oggi di certe cose, vista la realtà che sta vivendo la Fiorentina, mi sembra una forzatura. Giusto invece che Gilardino voglia capire gli indirizzi della società, i programmi a medio-breve termine. Si sta parlando di cessioni eccellenti, è già avvenuto un dimagrimento del monte ingaggi, ci sono giocatori cui non è stato rinnovato il contratto, quindi la vera situazione preoccupante è questa'.

'Se fossi io a decidere, Gilardino lo blinderei perché è una garanzia - ha chiosato Graziani -, ma in questo mercato, in cui il club deve fare cassa, può succedere di tutto da qui al 31 agosto. La Fiorentina ha vissuto momenti importantissimi con i Della Valle, ma adesso bisogna capire cosa vuole fare la proprietà. Le intenzioni di fare cose buone ci siano ancora, ma vedo Firenze sofferente per la mancanza di notizie certe. E anche intorno all'allenatore c'è una situazione non buona: la società lo sa, forse sta sottovalutando questo aspetto'.