Commenta per primo
Fiorentina-Parma 1-1

Dragowski 6: Poco chiamato in causa, non può nulla sul tocco morbido di Gervinho da posizione ravvicinatissima

Venuti 6: Partita lucida per il terzino viola, che non sfigura anche quando viene schierato nella difesa a tre. La sua velocità ha tolto più di qualche grattacapo alla Fiorentina

Milenkovic 6: Senza altri punti di riferimento è lui il faro della retroguardia. Partita lucida, può poco contro la velocità di Gervinho

Ranieri 6: Buona prestazione per il ragazzo del settore giovanile, che non sfigura, portando a casa una bella sufficienza

Dalbert 6.5: Che la difesa sia a 3 o a 4, la sua spinta è costante. Sempre pericoloso, parte dal suo piede l’assist al bacio per Castrovilli

Pulgar 5.5: Partita sottotono del mediano cileno, che forse soffre la fatica della terza gara ravvicinata, risultando meno brillante del solito

Badelj 6: Il suo lavoro silenzioso è preziosissimo, dirige la Fiorentina e la prende in mano nel momento di difficoltà. Se fosse anche preciso in conclusione…

Castrovilli 7: Altra prestazione da migliore in campo, il suo calcio riempie gli occhi, e ha anche iniziato a segnare. Ballerino del centrocampo, guida la squadra alla conquista di un punto prezioso

Ghezzal 6: L’algerino gioca la sua prima gara da titolare in maglia viola, ma non riesce ad incidere. Lo spunto sul breve c’è, e anche qualche pallone messo intelligentemente per i compagni, ma manca la zampata.

( Dal 9’ s.t. Vlahovic 6: Entra e Montella cambia sistema di gioco, riuscendo ad agguantare il pareggio. Se fosse anche incisivo sotto porta non perderebbe più la maglia da titolare.)

Boateng 5.5: Il numero 10 viola sgomita e lotta come un leone, ma non riesce ad essere incisivo. Suo un bel tiro che sibila accanto a Sepe, poi poco altro.

(Dal 39’ s.t. Pedro: SV)

Chiesa 5: Partita steccata dal numero 25 viola, che perde un pallone sanguinoso, che regala al Parma il vantaggio. Passa la gara cercando di riscattarsi, senza mai essere pericoloso.

Montella 6: Non è arrivata la vittoria, ma la capacità di tornare sui suoi passi, rimettendo la squadra 3-5-2 è lodevole, e vale anche un punto prezioso.