Commenta per primo
Sampdoria-Fiorentina 1-5

Dragowski 7: perfetto in uscita su Gabbiadini, strepitoso il riflesso sul tentativo da due passi di Tonelli. Reattivo anche sulla deviazione al volo di Quagliarella in avvio di ripresa, fa buona guardia nell’ordinaria amministrazione.

Milenkovic 6,5: da una sua sortita offensiva nasce l’azione del vantaggio. Autoritario e fisico, sbaglia pochissimo.

Pezzella 6,5: guida la difesa e la squadra da vero capitano, concede niente a Gabbiadini e Quagliarella e resta concentrato per tutti e novanta i minuti.

Caceres 6,5: fisicamente strabordante, sempre nel posto giusto. La sua esperienza alza il livello di tutto il reparto, aiuta sul compagno battuto e sventaglia pure da una parte all’altra del campo.

Lirola 7: offende e da quella parte la Sampdoria soffre terribilmente. Potrebbe infierire persino di più, serve a Chiesa la palla dello 0-5 con una splendida giocata e si fa trovare quasi sempre libero sui cambi gioco della squadra di Iachini.

Duncan 7: fisico e potenza, nel primo tempo è ovunque a centrocampo. Sradica un’infinità di palloni e ne protegge altrettanti. Macina chilometri e gioco, si è inserito subito bene nella formazione di Iachini.

(dal 26’ s.t. Benassi 6: mezz’ora di ordinaria amministrazione).
Badelj 4,5: gioca un tempo, prende due gialli e ristabilisce la parità numerica. A questi livelli è un’ingenuità imperdonabile. Per sua fortuna la Fiorentina non ne risente.

Castrovilli 7: gioca con il pallone incollato ai piedi, ha una facilità di controllo incredibile. Meno appariscente che in altre occasioni, ma a centrocampo ragiona per due, si sposta lungo tutto l’asse mediano del reparto e va a prendere basso anche Ramirez. Nel secondo tempo innesca due ripartenze, con il secondo assist libera Dalbert al tiro poi respinto da Audero e ribadito in rete da Vlahovic.

(dal 22’ s.t. Pulgar 6: entra per fare da diga in mezzo al campo, è un altro giocatore molto interessante e che garantisce un’alternativa importante alla Fiorentina).

Dalbert 6,5: più bloccato nel primo tempo, gode invece di ampi spazi nella ripresa, e ciò consente all’ex Inter di alzare il suo baricentro. Propizia il poker viola e va a prendere alto le rare sortite offensive della Samp.

Chiesa 7,5: trova il gol su rigore, ma affetta la difesa della Samp come se fosse burro. Sfiora la doppietta personale con una sassata che si stampa sul palo, è solo una prova generale della meravigliosa conclusione sotto l’incrocio per il pokerissimo. Partita sontuosa dell’esterno.

(dal 35' s.t. Ghezzal s.v.)

Vlahovic 7,5: affonda sulla destra e sembra Chiesa, mette dentro la palla e induce Thorsby all’errore. Il gol del vantaggio viola è suo per metà. Trasforma anche il rigore, poi si produce in un’esultanza davvero evitabile sotto la Sud, che scalda una partita già ad alta tensione. Più veloce di tutti a ribadire in rete una ribattuta di Audero.


All. Iachini 7,5: la sua Fiorentina schianta la Sampdoria sul piano del gioco, della corsa e della tecnica: I viola aprono la difesa con gli esterni, Chiesa e Vlahovic si trovano a meraviglia e non concedono niente in fase difensiva. Rifila una batosta pesante al suo ex pubblico, e toglie definitivamente la Fiorentina da una zona di classifica che poteva potenzialmente diventare pericolosa.