Il nuovo giocatore della Fiorentina Marko Pjaca si è presentato con la nuova maglia in conferenza stampa. Acquistato in prestito oneroso con diritto di riscatto e controriscatto in favore della Juventus, il calciatore ha dichiarato: “Come mai hai voluto fortemente la Fiorentina? La trattativa è stata lunga, ma io volevo venire qui fin da subito. Sono molto contento e non vedo l’ora di iniziare a giocare. Stella della squadra? Sicuramente è una responsabilità, ma mi spinge anche a lavorare duro anche in allenamento. Volgio raggiungere buoni obbiettivi in questa stagione.Maglia numero 10? Per me è un onore indossare questa maglia, ma anche una responsabilità. Darò tutto per far vedere agli altri che mi merito di indossarla. Condizione fisica? Sono pronto, sto bene e migliorerò di partita in partita. Vedremo quanto mi ci vorrà per arrivare al top, ma ora sono pronto. Esperienza alla Juventus? La tattica è la cosa più importante in Italia, ed è stata la cosa che ho imparato più di tutto. Se esulterò contro la Juventus? Non lo so. Prima faccio gol, poi ci penseremo. Obiettivi? Voglio giocare e aiutare la squadra a fare un buon campionato, questo è il mio principale obiettivo. Parlato con Badelj? Ho parlato con Milan, mi ha aiutato molto a scegliere Firenze, mi ha parlato benissimo della società, della squadra e della tifoseria. Recompra per la Juventus? Ora sono un giocatore della Fiorentina, ora penso solo a fare qui una grande stagione. Per quello che succederà nel futuro vedremo, adesso non ci penso. Giocare con Ronaldo? Io devo pensare alla mia carriera, non alla sua. Devo pensare io a giocare e dare il massimo. Maestro? Mandzukic mi ha aiutato molto ad ambientarmi nel calcio italiano. Mondiale? Esperienza incredibile, è stata un’emozione unica e la porterò sempre nel mio cuore".