Commenta per primo
Come spiega La Nazione, in queste ore qualcosa si sta muovendo qualcosa sul fronte societario in casa Fiorentina e le mosse ufficiali nel CdA offriranno una lettura più chiara di uno stato dell’arte che ora lascia aperte tante ipotesi. La prima è la redistribuzione delle cariche, in modo da renderle funzionali all’iter della cessione (le voci si sommano, compresa quella di un fondo del Kuwait che ha avuto contatti a Palazzo Vecchio in un’occasione istituzionale): scenari comunque ad ampio respiro e gestione ordinaria del club da mantenere. Seconda ipotesi: gli azionisti di maggioranza dichiareranno ufficialmente la volontà di passare la mano facendo riferimento ai rapporti non ricostruibili con Firenze. Sarà conseguente l’ufficializzazione di un advisor. Terzo scenario: i Della Valle potrebbero formalizzare il loro distacco da Firenze in attesa di acquirenti, aggiungendo al boarding un manager esterno al gruppo per gestire il club con un’impronta finanziaria. Resiste sempre il nome di Pierpaolo Marino, che in passato - sarà un caso - fu indicato nel 2004 dallo stesso Diego Della Valle a De Laurentiis per la costruzione del Napoli.