Commenta per primo
Il Frosinone di Guido Carboni centra la salvezza nello scontro diretto con la Triestina, al 'Matusa' finisce 2-2. Parte forte la squadra di casa, che già al 9' sfiora la rete: discesa sulla destra di Troianiello che serve in mezzo Cariello, l'esterno ex Ascoli appoggia per l'accorrente Mazzeo che conclude debolmente verso la porta consentendo a Calderoni di bloccare la palla senza problemi. I ciociari hanno in mano il pallino del gioco e al minuto 11' passano in vantaggio con Troianiello che infila il portiere avversario con un destro a giro dal vertice destro dell'area di rigore su assist di Cariello. La reazione della Triestina è immediata e al 20' arriva il pari con Testini che batte Sicignano con un tiro angolato da fuori area. Nel finale di tempo un'occasione per parte con Mazzeo e Colombo, i cui tiri non inquadrano la porta. La ripresa vede il Frosinone gestire il possesso palla e tentare di colpire l'avversario in contropiede. Al 56' la Triestina va vicina alla rete con Della Rocca, ma sulla ripartenza è il Frosinone a riportarsi avanti con Stellone che conclude di sinistro dopo un cross dalla sinistra di Mazzeo smanacciato da Calderoni. I canarini hanno diverse opportunità per chiudere l'incontro con Mazzeo che per due volte si fa ipnotizzare da Calderoni. Al 90' gli alabardati trovano il pari con Siligardi che dal limite dell'area lascia partire un sinistro a fil di palo su cui Sicignano non riesce ad intervenire. Grande festa al 'Matusa' per la quarta salvezza di fila, mentre la Triestina dovrà passare per la lotteria dei play-out per assicurarsi la permanenza in serie B. FROSINONE Il presidente del Frosinone, Maurizio Stirpe: 'Quest'anno abbiamo sofferto ancora di più, anche più del primo anno di B. Con quattro squadre che lottavano per la salvezza era difficile, il campionato è stato equilibrato e sicuramente ci siamo complicati la vita visto che fino al venti febbraio eravamo in lotta per i play-off. Nelle prime dieci giornate abbiamo giocato con umiltà e siamo andati bene, poi questa è venuta a mancare e soltanto nelle ultime cinque giornate siamo tornati umili, ed il merito va dato all'allenatore. Penso che il prossimo allenatore del Frosinone, se lo vorrà, sarà Guido Carboni. Se l'è meritato, anche considerando la sfortuna degli anni passati come quando era al Bari. Dobbiamo ripartire dalle cose che non hanno funzionato, come gli infortuni o la mancanza di equilibrio. I tanti gol subiti non sono solo colpa della difesa, ma anche degli altri reparti. La manovra deve essere più corale, deve esserci più solidità e compattezza nel modulo di gioco. Ecco, dobbiamo ripartire da questo. A fine partita mi sono commosso per i tifosi, infine voglio dedicare questa salvezza ai miei genitori'. Il tecnico del Frosinone, Guido Carboni: 'In questo momento il rinnovo del contratto è l'ultimo dei miei pensieri, abbiamo tempo per decidere e lo faremo in serenità seduti ad un tavolo. Questo è un mezzo miracolo, abbiamo raggiunto il risultato con sacrifici, voglio ringraziare i direttori Ortoli e Graziani che ci sono stati vicino. Speriamo che questo programma si possa fare, se lo dice il presidente allora possiamo annunciare questo fidanzamento che spero diventi un matrimonio'. TRIESTINA Il tecnico della Triestina, Daniele Arrigoni: 'Questa è stata una partita difficile, abbiamo prodotto tanto giocando a tratti bene. Soffriamo troppo, non è stato il gioco che volevo. Dopo il secondo gol è stato tutto più difficile perché non è facile fare tre gol in casa del Frosinone. Avevo chiesto più equilibrio, purtroppo prendiamo troppi gol. Siamo una squadra molto lenta e abbiamo sofferto tantissimo sugli esterni soprattutto per la velocità di Troianiello. Ora ci attende la sfida più difficile, dobbiamo andarcela a giocare'.