14
Nel corso della sua intervista concessa alla rivista Sette del Corriere della Sera, l'ad del Monza, ed ex-ad del Milan, Adriano Galliani ha rivelato il suo colpo più grande e un curioso retroscena.

VAN BASTEN - "Beh, dal Milan sono passati otto Palloni d'Oro. Ma il giocatore più forte è di certo Marco van Basten. Ariedo Braida capì che era un fenomeno. Andammo diverse volte ad Amsterdam a vederlo con Berlusconi, c'era anche suo padre Luigi. Ci accorgemmo che era un grandissimo"

GULLIT - "Mentre la cosa più simpatica fu Gullit. Agosto 1986, eravamo alle Bermuda. Ad un certo punto il presidente disse: 'Stasera il Milan gioca a Barcellona un quadrangolare'. Prendemmo l'aereo e volammo là. Berlusconi, da uomo di spettacolo, notò subito questo gigante del PSV, con grande potenza scenica: con le trecce, di colore, faceva il difensore. Il presidente impazzì: 'Dobbiamo prenderlo!'. Però nel 1986 non si potevano comprare giocatori stranieri. Un anno di corteggiamento e nel 1987 ci riuscimmo dopo una lunghissima trattativa".