Commenta per primo
Dopo Roma e Fiorentina, che hanno tenuto a battesimo il campionato del Genoa, anche quella di domenica contro l'Atalanta sarà una sfida da doppio ex per Cesare Prandelli, cresciuto come giocatore nelle giovanili orobiche e allenatore del grifone fino a qualche mese fa.

A lui L'Eco di Bergamo ha chiesto di anticipare i temi della sfida tra Rossoblu e nerazzurri: “Il Genoa ha cominciato bene la stagione - ha dichiarato il tecnico - La tifoseria ha ritrovato l’entusiasmo di andare a Marassi per spingere il Grifone alla vittoria. Mi aspetto 25-30 mila spettatori. Genoa-Atalanta la guarderò da osservatore puro, anche perché non rinnego affatto i sei mesi al Genoa, di cui serbo bei ricordi".

Prandelli è poi tornato sull'ultima sfida giocata al Ferraris dalle due formazioni, quella dello scorso dicembre quando il Genoa guidato proprio dal tecnico di Orzinuovi riuscì a battere l'Atalanta con un convincinte 3-1: "Quella fu una partita particolare, che preparammo con grande puntiglio perché la squadra stava uscendo dalla crisi e io ero arrivato da poco tempo. Poi avevo ancora Piatek, che infatti realizzò il terzo gol. Prevedendo che sarà tutta un’altra partita, intendo dire che sono totalmente mutate le condizioni ambientali”.