Commenta per primo
Uno dei volti nuovi che attira più curiosità in casa Genoa è senza dubbio quello di Aleksander Buksa, 18enne centravanti polacco prelevato dal Wisla Cracovia.

Nel corso di un'intervista concessa alla Gazzetta dello Sport in edicola quest'oggi, il giocatore ha parlato del parallelo che molti già fanno tra lui e il connazionale Kezystof Piatek, che ebbe un grande impatto al suo arrivo al Grifone tre stagioni fa: "Sono molto più giovane di lui  ha spiegato Buksa - sarebbe difficile metterci a confronto. Krzysztof ha segnato tanto, io sto iniziando ora e ho davanti a me un percorso che dovrà servire a farmi crescere". 

Il giovane attaccante ha poi parlato della sua decisione di accettare la proposta del Genoa: "In realtà non è stata una scelta difficile. Il livello della Serie A e la difficoltà di questo torneo sono ben noti, dunque già di per sé il vostro campionato rappresenta un’occasione importante di crescita a livello personale e calcistico. E poi c’era il fascino del Genoa, con la sua grande storia. L’abbinamento fra i due aspetti mi ha convinto ad accettare".

Qualche parola, infine, anche sul tecnico con cui ha appena cominciato a lavorare: "Di Ballardini posso dire che con lui serve grande diligenza nell’esecuzione degli allenamenti, e si lavora molto sulla corsa. E, ancora, l’aspetto tattico ha una grande importanza".