Nuovi guai giudiziari per Armando Izzo. Scontata ad ottobre la pena sportiva di sei mesi di squalifica, il difensore del Genoa dovrà adesso affrontare il processo penale per la vicenda relativa alle presunte combine di due partite risalente ai tempi in cui militava nell'Avellino. Il gup del Tribunale di Napoli, Marcello De Chiara, ha infatti accolto le richieste del pm della Dda partenopea Maurizio De Marco, chiedendo il rinvio a giudizio per Izzo e per due presunti esponenti della camorra. Già domani il difensore venticinquenne dovrà presentarsi alla sbarra presso il palazzo di giustizia del capoluogo campano.

Izzo, assieme ad altri due compagni dell'epoca Francesco Millesi e Luca Pini peraltro già giudicati con il rito abbreviato e condannati rispettivamente a 1 e 3 anni e mezzo di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, secondo gli inquirenti avrebbe partecipato al tentativo di alterare due risultati del campionato di Serie B della stagione 2013-2014.