Commenta per primo
Un futuro incerto per molti. Anzi moltissimi. 
Tra prestiti, giocatori in scadenza di contratto e altri destinati ad appendere le scarpette al chiodo, ben 17 elementi dei 30 complessivi che compongono l'attuale rosa del Genoa non hanno la certezza di proseguire anche per la prossima stagione la propria avventura in maglia rossoblù. 

PRESTITI - Il gruppo più numeroso è quello composto dai giocatori temporaneamente domiciliati a Pegli ma il cui cartellino è di proprietà di altri club. In questa categoria rientrano infatti addirittura 13 giocatori: gli juventini Pellegrini, Perin, Pjaca e Rovella, gli atalantini Czyborra e Melegoni, i sassuolesi Goldaniga e Scamacca e poi ancora Onguene, arrivato a gennaio dal Red Bull Salisburgo,  Zajc del Fenerbahce, Paleari del Cittadella, Strootman dell'Olympique Marsiglia e Zappacosta del Chelsea. Se alcuni sono destinati a salutare la Liguria (Onguene, Pellegrini, Pjaca), altri potrebbero restare in rossoblù o addirittura essere riscattati dal club, come Melegoni, Goldaniga e Rovella, mentre per altri ancora (Strootman, Zappacosta e Perin) la permanenza è molto più difficile se non quasi impossibile (Scamacca).

SCADENZA - Ad allungare la lista di chi è in bilico si aggiungono poi i tre con il contratto che andrà ad esaurirsi a fine giugno. Categoria di cui fanno parte i portieri Zima e Marchetti e il difensore Zapata. Al momento l'unico che pare avere qualche ossibilità di permanenza sembra essere l'ex estremo difensore di Cagliari e Lazio.
ADDII - Ci sono infine altri due giocatori, anch'essi con il contratto in scadenza, che potrebbero addirittura ritirarsi dal calcio giocato. Un'ipotesi che Goran Pandev va ventilando da tempo e che presto potrebbe essere preso anche da Valon Behrami.

Insomma, se il Genoa ci ha abituato a rivoluzionare il proprio organico in ogni sessione di mercato, quest'estate a maggior ragione lo farà ancora di più.