1
Se il Genoa continua a faticare nel far gioco e punti, l'avvio di stagione di Mattia Destro viceversa non sarebbe potuto essere migliore.

Anche nella sfortunata trasferta in casa del Torino l'attaccante marchigiano ha infatti lasciato il suo segno. Un gol inutile ai fini del 3-2 con cui i granata hanno superato i rossoblù, ma prezioso a livello personale per il giocatore. 

Con la rete di ieri Destro ha infatti mantenuto inalterata la propria media realizzativa stagionale, siglando il sesto gol in altrettante gare disputate. Un ruolino di marcia impressionante per un ragazzo che soltanto un anno fa veniva da molti indicato come pronto per la pensione malgrado avesse appena 30 anni. A condannarlo le tante stagioni precedenti passate a raccogliere più delusioni e insulti, anche e soprattutto dai suoi tifosi, che soddisfazioni e reti.

Ora però Destro è tornato quel bomber implacabile che prometteva di essere ad inizio carriera. Tanto da insidiare il trono dei cannonieri, attualmente occupato dal solito Ciro Immobile, altra vecchia conoscenza del Grifone. Il laziale vanta al momento la stessa media-gol del rossoblù, ma ha giocato e segnato una volta in più, avvalendosi anche dell'ausilio di tre rigori. 

Più che al titolo dei marcatori, però, Destro spera di poter contenere ad Immobile un posto in quella Nazionale azzurra dalla quale manca ormai da ben sette anni.