39
Mancano 90 minuti al termine della Serie A 2019-20 e la classifica recita: Genoa 36 punti, Lecce 35. All'ultima giornata, la squadra di Davide Nicola e quella di Fabio Liverani si contenderanno l'ultimo posto disponibile per restare nel massimo campionato; alle 20.45 di domenica, il Genoa ospiterà a Marassi l'Hellas Verona, mentre il Lecce se la vedrà al Via del Mare con il Parma. Con una vittoria, i rossoblù sono salvi, mentre i giallorossi salentini sono costretti a vincere e a sperare in un passo falso dei rivali. In caso di arrivo a pari punti, si salva il Genoa, in virtù dei risultati negli scontri diretti (Lecce-Genoa 2-2, Genoa-Lecce 2-1).

Registrati su Super6 e gioca ora gratis?

LAPADULA, BOMBER AL CONTRARIO - La sfida a distanza per la salvezza vive anche di tre curiosità legate a tre protagonisti. Partiamo da Gianluca Lapadula, l'uomo che con una rete al 92' ha regalato la vittoria al Lecce sul campo dell'Udinese, tenendo in piedi le speranze di salvezza della sua squadra. La curiosità ovviamente riguarda il fatto che l'attaccante che mette a rischio la salvezza del Genoa è... di proprietà del Genoa (che contribuisce anche a pagargli l'ingaggio). Il classe 1990 ex Milan è infatti in prestito con diritto di riscatto al Lecce. Per lui, l'ultima giornata di questo campionato sarà un vero e proprio spartiacque fra presente e futuro.

VELOSO GIOCA IN FAMIGLIA - Gli altri due casi particolari li troviamo in casa Hellas. Fra gli scaligeri milita infatti Miguel Veloso, centrocampista portoghese classe 1986. Veloso ha giocato nel Genoa in due fasi (2010-12 e 2016-19) e, soprattutto, è il genero di Enrico Preziosi, proprietario e presidente del Genoa, avendo sposato la figlia di quest'ultimo, Paola. Chissà quale potrebbe essere il suo stato d'animo se, per caso, durante la partita, gli capitasse l'occasione di spingere in rete un pallone che manderebbe in B la squadra del suocero. Da professionista, non abbiamo nessun dubbio sul fatto che farebbe di tutto per fare gol, ma sai che allegria poi il Ferragosto in famiglia...

LA PROMESSA DI JURIC - Infine, una situazione non meno delicata è quella che riguarda Ivan Juric, l'allenatore del Verona. Juric, amatissimo dai tifosi rossoblù, è stato un giocatore fondamentale (e capitano) del Genoa per quattro stagioni (2006-10) e poi allenatore sia della Primavera che della prima squadra, fra il 2016 e il 2018, prima di separarsi in modo non proprio idilliaco da Preziosi. Pure per lui emotivamente non sarà una domenica sera facile, anche se il tecnico croato già ieri sera, dopo la vittoria dell'Hellas sulla Spal, ha fugato ogni dubbio circa il suo impegno: "La prossima partita? Il Genoa ha significato tanto per me e forse le emozioni non mi hanno permesso di esprimermi al meglio. Sia chiaro, vado lì per vincere".