Commenta per primo
Lo scorso febbraio Andrea Pinamonti è diventato a tutti gli effetti un giocatore del Genoa. Dopo aver trascorso la prima parte dell'attuale stagione in prestito in Liguria, il centravanti trentino è stato riscattato dal club rossoblù che come da accordi ha garantito all'Inter i 18 milioni di euro pattuiti la scorsa estate. 

CONTROPARTITA - Presto però il giovane attaccante dell'Under 21 azzurra potrebbe percorrere il tragitto inverso lungo l'asse che collega Genova a Milano. I nerazzurri paiono infatti intenzionati a far valere fin dalla prossima sessione di mercato la clausola di riacquisto posseduta nei suoi confronti, riportando il ragazzo alla Pinetina. Nei piani di Marotta e soci, tuttavia, Pinamonti non viene visto come una possibile alternativa alla coppia d'attacco titolare Lukaku-Lautaro bensì come una preziosa pedina di scambio per mettere le mani su altri profili. 

OSTACOLI - Uno di questi è senza dubbio Sandro Tonali. Secondo la Gazzetta dello Sport, l'Inter vorrebbe inserire il cartellino di Pinamonti nell'operazione per portare a Milano il giovane regista bresciano. Gli ostacoli tuttavia non mancano. Da una parte c'è la resistenza di Massimo Cellino, patron delle Rondinelle, che accetterebbe il centravanti soltanto a titolo definitivo e non in prestito; dall'altra ci sono le perplessità del giocatore che alla luce della precaria situazione di classifica dei bresciani non vedrebbe di buon occhio l'ipotesi di scendere di categoria, oltretutto proprio nella stagione che porta agli Europei.