Commenta per primo
GENOA-ROMA 0-2
 
Sirigu 6:
la sua partita meno impegnativa da quanto difende la porta del Grifone si chiude comunque con due palloni in fondo al sacco. Sconsolato.
 
Biraschi 6,5: provvidenziale ad inizio ripresa, quando si immola su Shomudorov a un passo dalla rete di Sirigu. Ciliegina su un gara giocata costantemente sull’attenti.
(dal 39' st Bianchi SV)
 
Masiello 6,5: con l’assenza di capitan Criscito prende lui i galloni del capitano in pectore, anche se la fascia non è formalmente sul suo braccio. Si piazza al centro della difesa dirigendola con sapienza e tenendo la barca a galla finché può.
 
Vasquez 6: le poco più di 50 ore avute a disposizione per conoscere Shevchenko si rivelano sufficienti per comprenderne i desiderata. Difficile per gli attaccanti giallorossi riuscire a sorprenderlo, anche se il gol arriva proprio dalla sua parte.
 
Sabelli 6: Sheva gli concede quella fiducia persa con Ballardini, proprio contro la ‘sua’ Roma. Lui ringrazia e contraccambia mostrandosi vivace e propositivo almeno per un tempo. Poi cala nel secondo.
(dal 39’ st Ghiglione SV)
 
Sturaro 5: si appiccica a Mkhitaryan provando a togliergli ogni respiro. Ci riesce abbastanza bene nel primo tempo, molto meno nella ripresa quando oltretutto fallisce anche l'unica occasione da gol del Grifone.
(dal 45’ st Buksa SV).
 
Badelj 5: prova a smistare il traffico nel gorgo del centrocampo giallorossoblù ma non sempre mostra la necessaria lucidità per compiere al meglio la mansione.
(dal 45' st Galdames SV)
 
Rovella 5,5: inizia piano, poi cresce con il passare dei minuti, non riuscendo tuttavia a mantenere costanti i giri del proprio motore, finendo per ingolfarsi definitivamente nel secondo tempo.
 
Cambiaso 5: timido e insolitamente in affanno, disputa quella che quasi certamente è la sua peggior partita dell’anno, commettendo tanti errori anche banali.
 
Ekuban 5,5: affossato e demoralizzato da Ballardini, Sheva e (soprattutto) l’infermeria gli danno una chance per rilanciarsi. Lui ci mette tanto impegno ma l'essere abbandonato a se stesso nelle praterie romaniste di certo non sono un aiuto.
 
Pandev 5:
fornisce alla squadra più consigli che giocate, faticando ad accendere la luce di un Genoa che passa la metà campo una volta ogni quarto d’ora.
(dal 18’ st Hernani 5: Sheva gli chiede esplicitamente di fare da raccordo tra attacco e centrocampo. Lui sembra non capire le istruzioni e fa subito in tilt).
 
All. A. Shevchenko 5,5: non certo il migliore dei debutti possibili per il neo-tecnico rossoblù che se doveva lasciare intravedere una sua prima impronta di certo non è riuscito nell'impresa. Le attenuanti non gli mancano e per ora è doveroso concedergliele. Però è lecito attendersi presto qualcosa di meglio.