2
Ex di Milan e Genoa nonché grande amico di Andriy Shevchenko, per Kakhaber Kaladze la sfida di questa sera tra rossoblù e rossoblu non sarà una gara qualsiasi. Ai microfoni della Gazzetta dello Sport l'ex difensore georgiano ha però ammesso che il suo tifo sarà indirizzato in un'unica direzione: “Auguro a Sheva di riportare il Genoa ai livelli che il club e i tifosi meritano. Sono certo che darà il massimo perché è un professionista serio e una bella persona. Ma stasera il mio cuore dice Milan”.

Kaladze ha poi raccontato il legame speciale con l'ex compagno: "Shevchenko ha fatto la mia guida da Kiev fino in Italia. Quando sono arrivato a Kiev Andriy si è subito dimostrato un amico aiutandomi ad inserirmi nello spogliatoio e facendomi conoscere la città. Abbiamo caratteri simili, siamo persone dedite al lavoro e al sacrificio, qualità affinate da Lobanovski, grande maestro. Sheva era molto più sciolto, a Kiev era a casa sua mentre io agli inizi più riservato".
Sulla nuova avventura del suo amico sulla panchina rossoblù, Kaladze aggiunge: "Sheva ha la mentalità giusta, lavora per obbiettivi e ci arriva, come dimostra il Pallone d’oro che ha vinto. Da suo grande amico penso che stia facendo il percorso corretto, partendo dalla nazionale e ora andando in un club. Sono convinto che farà bene da allenatore. Quello del Genoa è un ambiente molto caldo, i tifosi sono molto attaccati alla squadra, lo senti quando sei li, Sheva e Tassotti hanno una sfida non facile ma intrigante, Sheva è un gran lavoratore e ama allenare, le sfide lo stimolano, sono sicuro che farà di tutto per riportare il Genoa a livelli che merita, non dimentichiamo che è un club che ha una storia”.