209
Genoa-Milan 0-1

GENOA

Perin 6,5: paratissima dopo 10' su Kalinic; un altro paio di interventi in totale sicurezza nel proseguio di gara. Non può nulla sull'incornata di Silva. Vince comunque ai punti il duello a distanza con il rivale Donnarumma.

Biraschi 6,5: il dirimpettaio Calhanoglu non combina molto. Lui si limita a fare il suo con ordine, dando sicurezza al pacchetto arretrato genoano.

Spolli 6,5: stravince il duello con l'evanescente Kalinic, affidandosi a Perin nell'unico pallone buono lasciato al croato. Ad inizio ripresa tappa una falla enorme fermando in scivolata Bonaventura lanciato a rete.

Zukanovic 5,5: non potendo competere con Suso sul piano tecnico, si oppone al fantasista spagnolo ricorrendo al fisico. E gli va tutto sommato bene. Di certo meglio di quanto si divora in tuffo la rete del vantaggio a due metri dalla porta. Errore grave che gli costa la sufficienza.

Lazovic 5: quando parte in progressione sembra Forrest Gump: ara la fascia destra come un trattore ma poi si dimentica di fermarsi prima della linea di fondo oppure di servire la palla ai compagni che l'attendono invano in area.

Rigoni 6: sonnecchia nel primo tempo, si risveglia nel secondo dopo aver segnato il gol che la Var gli nega. Regala a Zukanovic una palla d'oro che il bosniaco spreca malamente.

(dal 74' Omeonga 6: gambe e polmoni nell'acceso finale di gara)

Bertolacci 6,5: ottima diga davanti alla difesa rossoblù. Tampona le avanzate rossonere per vie centrali dettando al contempo i ritmi della manovra del Grifone.

Hiljemark 6,5: come tutti i compagni cresce nella seconda parte di gara, impossessandosi della mediana. Telecomanda sulla testa di Rigoni la palla del vantaggio che la Var annulla.

Laxalt 7: pericolo pubblico numero uno per la retroguardia rossonera. Quando parte lungo il binario di sinistra semina avversari come birilli. Bene anche in ripiegamento.

Pandev 6: solito contributo di classe ed esperienza al servizio della squadra. Non mette in mostra spunti particolari ma rimane sempre il più vivace dell'attacco rossoblù e l'unico in grado di creare qualcosa dal nulla.

(dall'81' Bessa SV: fa rifiatare Pandev agendo da seconda punta ma ha poco tempo per mettersi in luce)

Galabinov 5: aldilà delle classiche sportellare che rifila agli avversari di turno, si vede solo quando arriva in ritardo di un soffio all'appuntamento con il gol imbastitogli da Laxalt.

(dal 74' Lapadula SV: dentro nel finale contro la sua ex squadra, tocca un solo pallone spedendolo alto di testa a tempo scaduto).

All. Ballardini 6: il rammarico per il punto svanito all'ultimo secondo non può cancellare le impressioni destate ancora una volta dal suo Genoa. I rossoblù confermano quanto emerso nelle ultime settimane, mostrandosi solidi dietro ma molli davanti. Più che da Marassi, la notizia peggiore della giornata arriva però dai campi delle dirette concorrenti, tutte o quasi andate a punti. E la quota salvezza di alza.


MILAN
 
Donnarumma 6: Un'uscita avventata e poco altro per il gigante rossonero.
 
Rodriguez 6: Nel primo tempo si  propone con continuità, serve un pallone solo da spingere in rete per Kalinic. Nella seconda parte di gara cala vistosamente. 
 
Bonucci 6,5: non sbaglia quasi nulla, prova a far salire la squadra fino alla fine.
 
Romagnoli 6,5: Altra prova di grande livello per il centrale di Anzio.
 
Borini 5,5: Soffre Laxalt, palesando diverse criticità in fase difensiva. 
 
Bonaventura 5,5: E' un Jack in tono minore, spesso fuori dal gioco e troppo lento nel suo incedere. Generoso ma non brillante come negli ultimi due mesi. (Dal 79 Calabria s.v)
 
Biglia 6: Non è al massimo della forma e si vede, la sua è una regia ordinata ma senza strappi in verticale.
 
Kessie 6: Tanti errori in fase di costruzione ma prezioso nell'andare a recuperare palla alto, quasi nella metà campo del Genoa.
 
Calhanoglu 5: Prova sottotono del turco, spento e con poca personalità. Anche sui calci piazzati non sembra aver lo smalto dei tempi migliori.  (Dal 67' Silva 7,5: Il suo ingresso cambia la partita, segna un gol da attaccante di razza e che vale tantissimo per la squadra.)
 
Kalinic 5,5: Continua il digiuno da gol del croato che non segna da 3 mesi. Alcune sponde interessanti,  una bella girata dove trova un super Perin e un'occasione ghiotta cestinata malamente.Fa infuriare Gattuso che gli chiedeva maggiore pressing sul duo difensivo del Genoa.  (Dal 60 Cutrone 6: Tiene impegnata la difesa rossoblu con la sua continua ricerca della profondità)
 
Suso 6,5: nel primo tempo viene ignorato dai compagni, nel secondo sale in cattedra e organizza tutte le offensive rossonere. Da un suo assist al bacio arriva il gol partita di Andrè Silva.
Gattuso 6,5: Capovolge il Milan nel secondo tempo, azzeccando le sostituzioni. Silva e Cutrone insieme hanno permesso al Milan di portare a casa una vittoria di platino.


COMMENTA LA PARTITA DEL MILAN CON LA REDAZIONE DI CALCIOMERCATO.COM: APPUNTAMENTO DOMANI SU FACEBOOK ALLE 12.30