Commenta per primo
Alla vigilia della proibitiva sfida con la Juventus il tecnico del Genoa, Davide Nicola, ha parlato ai microfoni del canale tematico rossoblú, terza tappa del percorso post-covid: "Incontriamo una squadra forte e capace. Però penso che la Juve arrivi nel momento giusto. Abbiamo bisogno di migliorare e ritrovare i ritmi e la capacità di essere squadra, di muoverci all'unisono e questo lo abbiamo in parte conseguito nella seconda partita. Chiaramente con la Juventus sarà una partita importante e noi dobbiamo pensare che nulla è impossibile. Dobbiamo pensare solo a fare gioco di squadra e metterci nella condizione di lavorare di squadra. Perché sono convinto che solo lavorando, allenamento dopo allenamento e partita dopo partita, puoi riuscire a migliorarti”.

La gara con i bianconeri arriva dopo la batosta con il Parma e il pareggio di Brescia. Prestazioni differenti nelle quali l'allenatore piemontese ravvisa significativi segnali di crescita: “Il punto di Brescia diventa importante per il fatto che abbiamo fatto punti. Per il fatto che abbiamo recuperato una partita che non era facile da recuperare e lo abbiamo fatto con la voglia di andarla a recuperare. Da questo punto di vista non è che diventa più importante perché guardiamo gli altri, dobbiamo essere nella consapevolezza di guardare noi stessi e migliorare. Certo è che questa partita ci ha fatto migliorare in cose che contro il Parma erano mancate”.

  In entrambe le due sfide precedenti il Genoa, dopo una pessima partenza, è sembrato crescere nella ripresa: “Significa che attualmente esprimiamo gli stessi dati a livello fisico che esprimevamo prima della sosta - sostiene ancora Nicola - Chiaro che ci mancava la capacità di muoverci come squadra nei ritmi e nei tempi giusti. Ma questo va acquisito sempre di più col tempo e per farlo bisogna allenarsi e giocare”.