14
Le richieste di Mattia Perin alla Juve sembrano essere state accolte. 
Il portiere pontino, tornato in bianconero dopo l'anno e mezzo di prestito al Genoa, ha comunicato nei giorni scorsi alla dirigenza piemontese come la sua volontà non sia quella di restare a Torino a fare il vice-Szczesny bensì andare laddove possa giocare con continuità.

Un desiderio legittimo, soprattutto se si considera che la prossima sarà la stagione che farà da preambolo al mondiale qatariota, con Perin che ha tutte le intenzioni di rientrare in quel giro azzurro perso proprio dopo il suo sbarco a Vinovo a causa dello scarso utilizzo.

La Juventus, malgrado con l'addio di Gigi Buffon sia alla ricerca di un nuovo dodicesimo, pare intenzionata ad assecondare la richiesta del giocatore ma ad una condizione: che la sua partenza non sia più temporanea ma definitiva. Sulle tracce di Perin c'è da tempo il Genoa che vorrebbe riportarlo per l'ennesima volta a Pegli ma che con una rosa profondamente da rinnovare non ha grandissime disponibilità economiche. Ecco perché, prima di dare il via libera alla partenza verso la Liguria, i bianconeri stanno cercando di capire se ci sia la possibilità di cederlo altrove, possibilmente ottenendo una contropartita da almeno 10 milioni di euro.