66
Ora è ufficiale: il Genoa passa di mano e vede aprirsi una nuova era dopo la lunga era targata Enrico Preziosi, per 18 anni alla guida del Grifone. Il patron uscente ha ceduto il club rossoblù al fondo statunitense 777 Partners - già detentore di circa il 6% del Siviglia - ma rimarrà ugualmente nel consiglio di amministrazione della società. L'attuale amministratore delegato Alessandro Zarbano si occuperà invece della gestione quotidiana del club, come ha fatto in questi ultimi anni. La società di investimenti americana ha acquisito il 99,9% del Genoa e immetterà da subito nuovi capitali nel club, oltre ad ereditare i debiti lasciati dalla precedente gestione.

LE PRIME PAROLE - Queste le parole di Josh Wander, fondatore e Managing Partner di 777 Partners dopo la definizione del closing: "Siamo profondamente onorati di diventare parte di un club con una storia, un patrimonio e una tradizione così grande come il Genoa. Comprendiamo e rispettiamo la responsabilità che stiamo ereditando, vogliamo custodire e proteggere l’orgogliosa eredità dei Rossoblù puntando ai migliori piazzamenti possibili in Serie A".

L'ADDIO DI PREZIOSI - Anche Enrico Preziosi ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni dopo aver siglato l'accordo di cessione del Genoa: "È arrivato il momento di passare la mano. Avevo sempre detto che avrei lasciato il Genoa solo a una nuova proprietà forte e affidabile e lo lascio nelle mani di 777 Partners. A loro, che ora guideranno il club più antico d’Italia, auguro il meglio. Io resterò sempre tifoso rossoblù".