Per i tifosi del Genoa vedere i propri idoli accasarsi altrove è da tempo una consuetudine alla quale ci si rassegna malvolentieri.

Il prossimo ad allungare la lista di illustri addii in casa rossoblù potrebbe essere quest'estate Mattia Perin, l'airone planato da Latina per crescere e debuttare all'ombra della Lanterna. Spesso dato in partenza in passato, per lui la prossima sessione di mercato potrebbe davvero essere quella del saluto definitivo alla squadra di cui è nel frattempo diventato capitano.

La corte serrata del Napoli, alla ricerca di un nuovo titolare per i propri pali dopo la partenza ormai certa di Pepe Reina, il legittimo desiderio del ragazzo di voler competere per traguardi prestigiosi, oltre alle perenni esigenze di cassa che affliggono il Grifone, sembrano indicare una strada obbligata per Perin.

Il Genoa, dal canto, ormai da qualche mese pare essersi cautelato in vista di un'eventuale addio del suo capitano, individuando nel polacco Lukasz Skorupski, stanco di far da secondo ad Allison nella Roma, il prossimo titolare della propria porta.
Ma l'eventuale vuoto che l'attuale numero 1 rossoblù lascerebbe sotto la Gradinata Nord non sarebbe soltanto tecnico. Perin negli anni è diventato una vera e propria colonna dello spogliatoio genoano, un punto di riferimento per compagni, tifosi e staff tecnico. Anche sotto questo punto di vista urge quindi trovare un sostituto all'altezza. Ed anche in questo caso la dirigenza ligure sembra essersi mossa con ampio anticipo. Il ritorno alla base di Mimmo Criscito è, per stessa ammissione del diretto interessato, cosa praticamente fatta. Sarà lui a raccogliere la fascia di capitano e di leader da Perin, provando ad addolcire un po' di quel amaro in bocca che da troppo tempo colpisce il popolo genoano in tempo di calciomercato.