1
Alla fine si è deciso di non decidere, mantenendo tutto come prima. Giorni di ipotesi, smentite, colpi di scena prima paventati e poi scongiurati sono stati spazzati via al termine di una giornata surreale. Purtroppo non certo un evento eccezionale per chi vive di Genoa.

Enrico Preziosi ha fatto la sua scelta: Aurelio Andreazzoli è e resta l'allenatore del Grifone.  Almeno fino a nuovo ordine. Sì, perché la fiducia concessa al tecnico di Massa non è ovviamente incondizionata bensì connessa a doppio filo ai risultati che i rossoblù raccoglieranno nei prossimi impegni. A cominciare già da quello con il Parma subito dopo la sosta. Contro i ducali per Andreazzoli non ci saranno alternative alla vittoria. Allungare ulteriormente la striscia negativa inaugurata 5 giornate fa rappresenterebbe questa volta per davvero la chiusura della sua parentesi rossoblù.

Ora a Mastro Aurelio non resta che ricompattare un ambiente un po' depresso, sperando che il folle balletto a cui abbiamo assistito negli ultimi giorni non l'abbia totalmente screditato agli occhi dello spogliatoio. Nel frattempo, forse, anche Preziosi proverà a far fruttare al meglio il tempo a sua disposizione. Magari guardandosi attorno con più attenzione e scovando un'alternativa valida e convinta nel caso le cose non dovessero andare come ci si aspetta. Se non altro per evitare la replica di quel copione mandato in scena negli ultimi giorni.